DA FACEBOOK, ALL’INDONESIA, PER ARRIVARE ALL’ISLAM

Di Andrea Calabrò Kalèll

1545661_10202266455155883_908054918_n

Tutto è cominciato quando ho conosciuto mia moglie, dove? Su Facebook, 4 anni fa, e dopo 1 anno che ci parlavamo, lei disse che voleva farmi conoscere ai suoi genitori, ma io non volevo diventare musulmano per lei, perchè credevo in Allah ma in modo totalmente diverso. Lo pregavo a modo di testimone di Geova, come mia madre mi ha insegnato, quindi credevo che la religione giusta fosse  quella, poi, quando andai in Indonesia la prima volta, cambiò tutto, perchè vidi come i musulmani sono devoti a DIO, nonostante a quei tempi non fossi musulmano, ed italiano, mi trattarono come uno di loro, cosa che non riscontrai in Italia. Un giorno, in albergo, mi svegliò una voce che non avevo mai sentito prima e mi colpì, in un primo momento non ci feci molto caso, poi, ripensando a quella voce, mi dava un senso di pace, veramente, solo dopo un pò scoprii dalla mia futura moglie che si trattava dell’Adhan.  Conobbi i suoi genitori, che non volevano che si sposasse con me, perchè ero cristiano, comunque sia prima di andare in Indonesia mi informai del Corano e rimasi sorpreso nel trovare i nomi dei profeti presenti anche nella Bibbia. Pensai: “se Muhammad (pace e benedizione su di lui) ha scritto il Corano [cosa impossibile naturalmente], come mai elogia Abramo, Mosè, Gesù (pace su ognuno di loro) ed altri profeti? non ha senso, se uno cerca la fama”, comunque sia dopo aver visto chi fossero veramente i musulmani e dopo aver ascoltato l’Adhan, decisi di diventare musulmano, e feci la testimonianza di Fede (Shahadah). Non avevo mai ricevuto una ospitalità cosi, come quella avuta in Indonesia, quando ascoltai per la prima volta il Corano in arabo, rimasi a bocca aperta, pur non capendo l’arabo. Non sapevo nemmeno che si recitasse… Tornai in Italia, dopo 1 anno e mezzo io e Dewi [questo è il nome della ragazza indonesiana] ci sposammo. Al hamdulillah, questa è in breve la mia storia.

Il Destino, e pensare che a me non piaceva nemmeno Facebook, e non ne capivo l’utilità…

Tratto da “Mondo Islam” n. 16