DIGIUNA E MENTE!

Ecco un uomo che, dalla sua infanzia, ha l’abitudine di mentire. Oggi, si sforza di abbandonare questo vizio. Ma ci ricade per sbadataggine, poi si pente e implora il perdono di Allah … Questo comportamento annulla il suo digiuno?

BismiLLâhi ar-Rahmâni ar-Rahîm

Al-Bukhari (1903) (6057) riportò secondo Abu Hurayra (rady Allahu anhu) che il Messaggero di Allah (sallAllahu alayhi wa sallam) disse:

« Chiunque non smette gli atti e le parole vani e (i comportamenti dettati dall’ ignoranza), Allah non ha bisogno che si astenga dal mangiare e dal bere ».

Per parole vane, intendiamo ogni falsa parola. Ciò che ingloba la menzogna, la maldicenza, la falsa testimonianza e ogni (altra) parola vietata.

Per atti vani, intendiamo la pratica dell’ immoralità e gli altri atti negativi. Vedere Touhfat al-Ahwadhi.

Per ignoranza, intendiamo tutti gli atti di disobbedienza. Ed è quello che as-Sindi disse in Hachiyatu Ibn Madja.

Al-Hafiz disse: Le parole: « Allah non ha bisogno che ci si astenga dal bere e dal mangiare » non significa, secondo Ibn Battal, che dona l’ordine di non digiunare più. Si tratta, piuttosto, di metterlo in pratica, facendo attenzione ai vostri vani atteggiamenti e le vane parole, ed è ciò che è menzionato (sopra).

La frase esprime il rigetto. Vuol dire che il digiuno intaccato dal falso (atti e parole vani) è rigettato, e il digiuno che ne è privo è gradito.

Ibn al-Arabi disse: « Questo hadith implica che il digiuno di colui che si comporta in tal modo, non sarà ricompensato. Vale a dire, che la ricompensa alla quale avrebbe diritto sarà controbilanciata dal peccato che risulta dai suoi falsi atti e parole.

Si tratta di indicare che tutti i peccati possono danneggiare il digiuno diminuendone la ricompensa o annullarla completamente, se sono frequenti.

Così, dovete proseguire la lotta che conducete contro la vostra propria anima per sbarazzarvi da questa pessima abitudine. Ogni volta che commettete un peccato, ricorrete al pentimento (sincero) e alla richiesta del perdono. In effetti, il pentito è come chi non ha mai peccato.

Possa Allah l’ Eccelso assisterci nel fare ciò che Egli ama e gradisce. Amin

Traduzione di Sara Hima

Tratto da “Mondo Islam Magazine” n. 23