I TRE GIORNI DI INAUGURAZIONE DELLA MOSCHEA DI RAVENNA

b_p-67898-abstr_img-rn_moschea

Di Farhat Yassin e Ghofran Souli

“Oggi la città é un pó migliore”, è cosi che ha definito brevemente questa giornata il sindaco di Ravenna, venerdì 4 ottobre 2013. Giornata importante per la comunità islamica che finalmente inaugura la Moschea che da tanto i musulmani aspettavano e volevano. Il luogo é accogliente e l’aria é riscaldata dalla felicità della comunità, non solo, perchè molti non musulmani sono venuti a festeggiare questo bel avvenimento con i loro amici. La Moschea é ospitale e la conferenza molto interessante, é stato bello sentir parlare il parroco, come il sindaco, l’architetto, l’imam e altre persone importanti che erano riunite per festeggiare un luogo di culto, ed anche d’incontro tra persone di varie religioni. Bellissima e molto importante anche la libreria, un luogo di approfondimento e studio, come anche la scuola per i bambini, o il giardino fiorito dove i bambini si divertono. La giornata é finita con la visita dell’intero luogo di culto, un posto grande ed accogliente, anche nel suo allestimento. Dopo la visita c’é stato un momento piacevole per mangiare insieme, scambiare belle idee e fare amicizia, é finita cosi la bellissima giornata, con una città migliore.
Sabato 5 ottobre, giornata dedicata ai giovani e al loro fondamentale ruolo, nonchè il futuro della Moschea. Il programma é iniziato con la condivisione della giornata con le scuole e i mediatori che hanno assistito alle testimonianze nella conferenza di una donna italiana ed una americana tornate all’Islam: Amina umm Samir e Aisha, e di un ragazzo musulmano italiano che nel corso della sua vita ha scoperto l’Islam, di nome Massimiliano Walìd. Dopo la conferenza c’é stata una visita della Moschea per poi salutare gli studenti e dare il benvenuto a tutti coloro che hanno deciso di visitare il luogo sacro. La giornata é continuata dopo il pranzo consumato tutti insieme nella tenda, luogo allestito per mangiare e dare luogo alle conferenze, cosi da mantenere la Moschea pulita. Nel pomeriggio sono arrivati i ragazzi
delle altre città tra cui i membri del A.G.I.R. (Associazione Giovanile Islamica della Romagna) e G.M.I. (Giovani Musulmani d’Italia) che ci hanno aiutato nella giornata dedicata ai giovani. É stata un’esperienza unica, perchè ci ha permesso di conoscere persone di diversa nazionalità, ma con una meta comune che ci ha unito, l’Islam. Le testimonianze, l’esperienze, le storie dei presenti, ci hanno dato un’idea concreta della volontà Divina. Alhamdulillah è stata un’esperienza unica e speriamo che non rimanga a sè stante, e che verranno costruite altre Moschee in Italia in sha’Allah. Per finire abbiamo assistito tutti insieme ad un piccolo incontro di karate che ha avuto luogo dentro la Moschea, fatto da bambini arabi che si sono divertiti nel mostrarci le loro doti, per poi fare la preghiera del tramonto, abbiamo cenato, arrivando fino al momento dei saluti. Chi é rimasto ha assistito alla lezione di uno sheikh, per concludere poi la giornata con la preghiera del Isha.
Domenica 6 ottobre ultimo giorno di inaugurazione, ma non l’ultimo giorno di festa, in questo luogo accogliente é sempre festa. Come giornata é stata dedicata alle famiglie della comunità musulmana della Romagna, ma non solo, anche a tutte quelle persone che hanno deciso di venire a visitare questo posto nuovo, che ancora non avevano visto, per potersi avvicinare di più e per capire, avere uno scambio di idee, di opinioni, in modo da seppellire i pregiudizi e le incomprensioni che ci sono state. Prima di salat dohr, una grande sorpresa per tutti, un fratello italiano ha fatto la shahada. E’ stata una giornata dedicata ai grandi sapienti di paesi diversi, lingue diverse, che hanno in comune la religione, la voglia di far amare la religione e condividerla. È stato questo il programma di tutta la giornata, tra un sermone e l’altro, un dolcetto e un po di thè, qualche momento dedicato a pregare Allah subhana wa ta’ala, e per socializzare.

Tratto da “Mondo Islam” n. 15