L’ESPRESSIONE “ALLAH, L’ECCELSO HA DETTO IL VERO”

13413571_1022284971153517_555653187202737691_n

L’ espressione «Allah, L’ Eccelso ha detto il vero» che dicono dopo la recitazione del Corano.

Domanda:

In alcuni episodi del programma “Nour wa Hidâya” (Luce e Guida) di Cheikh `Alî Tantawî, ho sentito dire che l’ espressione «Allah, L’ Eccelso ha detto il vero» che hanno detto appena finito la recitazione del Corano è un’ innovazione nella religione. È vero?

Se si, che bisogna dire allora, dopo la recitazione del Corano? E, se questo non è permesso, possiamo dire anche: Allah, il Sublime, ha detto il vero e il Suo Onorabile Profeta ha detto il vero?

Questo è riportato dal Profeta, SallAllah `Alaihi Wa Sallam?

Risposta del Comitato Permanente dei Sapienti dell’ Ifta:

Dire “Allah, il Sublime, ha detto il vero” ed espressioni simili, alla fine della recitazione del Corano, è un’ innovazione nella religione, perché non è riportato in modo autentico che il Profeta (SallAllah `Alaihi Wa Sallam) abbia detto questo dopo la recitazione del Corano, e se questo fosse stato legittimo, dopo ogni fine della recitazione del Corano, egli (SallAllah `Alaihi Wa Sallam) l’ avrebbe fatto.

In effetti, è autenticamente riportato che disse:

“Colui che annovera nella nostra religione delle cose che non né fanno parte, che gliele si rigetti.”

[Hadith riportato da Al-Bukhârî e Muslim]

Che Allah vi accordi la riuscita e preghiera e pace siano sul nostro Profeta Mohammad (SallAllah `Alaihi Wa Sallam), così come sulla sua famiglia e i suoi compagni.

La questione 11 della Fatwa numero (7306)

Domanda:

Sento spesso dire che il fatto di dire “Sadaqa Allah Al-`Azhîm” (Allah, l’ Altissimo, ha detto la verità) alla fine della recitazione del Corano è un’ innovazione (Bid`a).

Altre persone mi hanno detto che non c’ era nulla di male in questo e hanno sostenuto la loro tesi citando il versetto (traduzione del significato):

“Dì: ” È Allah che dice la verità. Seguite dunque la religione di Abramo, Musulmano puro”.

[Surat ‘Ali `Imran 3:95]

Ora, certi uomini di scienza mi hanno detto che per dire, a colui che recitava il Corano, di smettere, il Profeta (SallAllah `Alaihi Wa Sallam) diceva semplicemente: “Hasbuka (è sufficiente)” [Narrato da al-Bukhari].

La mia domanda è sapere se il fatto di dire “Sadaqa Allah Al-`Azhîm” (Allah, l’ Altissimo, ha detto la verità) è permesso?

Vogliate darmi una spiegazione dettagliata.

Risposta di Cheikh Ben Baz:

Le genti hanno l’ abitudine di dire alla fine della loro lettura del Corano “Sadaqa Allah Al-`Azhîm” (Allah, l’ Altissimo, ha detto la verità), ora, io non trovo per questo alcuna prova nella Shari’a.

Di conseguenza, questa [espressione] non deve essere utilizzata come una pratica corrente. Ben peggio, questa fa parte delle innovazioni, soprattutto quando qualcuno crede che faccia parte della Sunna [dirla]. Una tale pratica DEVE essere abbandonata.

Il versetto (traduzione del significato):

“Dì: ” È Allah che dice la verità. Seguite dunque la religione di Abramo, Musulmano puro”.

[Surat ‘Ali `Imran 3:95] non ha nulla a che vedere con questa espressione.

Il versetto significa semplicemente che il Profeta (SallAllah `Alaihi Wa Sallam) è comandato da Allah (Azza wa Jel) di far comprendere alle genti che le Rivelazioni contenute nella Torah, il Vangelo e tutte le altre Scritture Sante rivelate sono vere. Nello stesso ordine di idée, le Rivelazioni contenute nel Corano sono vere.

Tuttavia, questo non stabilisce la prova di concludere la lettura di alcuni versetti o sure del Corano, dicendo: “Sadaqa Allah Al-`Azhîm”. Questo non è riportato né dal Profeta (SallAllah `Alaihi Wa Sallam) né da alcuno dei suoi Compagni

“Il Profeta (SallAllah `Alaihi Wa Sallam) una volta, ascoltò Ibn Mas`ud recitare l’ inizio della Surat An-Nissâ’ (Le Donne), ed arrivato al versetto (traduzione del significato):

“E che avverrà, quando susciteremo un testimone in ogni comunità e chiameremo te a testimone contro di loro?”

Il Profeta (SallAllah `Alaihi Wa Sallam) gli disse: Hasbouka (è sufficiente).

Ibn Mas`ud disse: “Quando mi voltai verso di lui, vidi i suoi occhi versare delle lacrime”.

Il Profeta (SallAllah `Alaihi Wa Sallam) versava delle lacrime perché il versetto gli ricordava la grandezza del Giorno della Resurrezione come citato in questo versetto:

“E che avverrà, quando susciteremo un testimone in ogni comunità e chiameremo te a testimone contro di loro?”

(Corano, Surat An-Nissâ’ 4:41)

Vale a dire: “Ô Muhammad” come testimone contro di loro?

Vale a dire: sulla sua Ummah (comunità musulmana).

In breve, non esiste prova nella Shari ‘a che disciplina la conclusione della recitazione del Corano con il fatto di dire “Sadaqa Allah Al-`Azhîm”.

Questa espressione deve essere abbandonata, alfine di seguire l’ esempio del Profeta (SallAllah `Alaihi Wa Sallam) e dei suoi Compagni  Tuttavvia, non v’ è nulla di male se lo si dice qualche volta per inavvertenza [senza volerlo].

Allah (Azza wa Jel) è senza dubbio il Veridico, ma questa espressione “Sadaqa Allah Al `Azhîm” ad ogni momento dopo la lettura del Corano, come fanno le genti, non è fondata, come abbiamo detto precedentemente.

(Capitolo 9, pag. 343.344)

Fonte: alifta.net

Comitato permanente [degli studiosi] Ifta

Sheikh ‘Abdel-‘Azîz Ibn ‘Abdi-llâh Ibn Bâz

http://www.3ilmchar3i.net/

Dire «sadaqallahul-‘adhim – » dopo la lettura del Corano (audio-vidéo)

Domanda:

Qual è l’ avviso della parola « Sadaqa Allâhu-l-‘Adhîm » dopo aver finito la lettura del Corano?

Risposta di Cheikh Zayd al Madkhali:

Questo non è parte dei Salaf. Non è riportato che i salaf chiudessero la lettura del Corano dicendo «Sadaqa Allâhu-l-‘Adhîm », né nella preghiera, né fuori di essa. Malgrado la credenza del servitore che Allah è il più Veridico nella parola.

« E chi è più veridico che Allah nella parola. »

Tuttavia, la religione (si apprende) con la trasmissione, essa è riportata dal Messaggero di Allah e trasmessa dai salaf, perché essi l’ hanno appresa dal Messaggero o bene dai nobili compagni

Dunque riassumendo, non è riportato da alcun salaf, secondo la mia conoscenza, che egli  chiudesse la sua lettura dicendo « Sadaqa Allâhu-l-‘Adhîm », né nella preghiera, né fuori di questa.

Fonte: daralhadith-sh.com

Domanda:

Qual è l’ avviso giuridico relativo alla parola “Sadaq Allahul-‘Adhim” dopo la lettura del Qur’ân?

Risposta del Comitato Permanente dei Sapienti dell’ Ifta:

La Lode sia ad Allah, e che le benedizioni e la pace siano sul Suo Messaggero, la sua famiglia e i suoi compagni.

La parola “Sadaq Allahul-‘Adhim” dopo la lettura del Qur’ân è un’ innovazione.

Il Profeta (sallAllahu ‘alayhi wa sallam) non l’ ha fatto e nemmeno i Califfi Ben Guidati, né alcun altro compagno (radhi-allahu ‘anhum) e né gli imam dei (pii) predecessori (rahima-humullah).

Questo, malgrado le loro numerose letture e la loro insistenza nella diffusione del Suo (il Qur’ân) messaggio e la conoscenza delle sue regole.

Per cui, dire questo subito dopo la fine della lettura (del Qur’ân) è un’ innovazione.

È stato confermato sull’ autorità del Profeta (sallAllahu ‘alayhi wa sallam) che disse:

«Chiunque introduca qualche cosa al nostro affare (Vale a dire l’ Islam), che non né fa parte, è rigettato» (Riportato da Al-Bukhari e Muslim).

E in un’ altra narrazione:

« Chiunque compie un atto sul quale non c’ è il nostro ordine sarà rigettato.» (Riportato da Muslim)

Ed è in Allah tutto il successo e che Allah invii preghiere e pace sul nostro Profeta (sallAllahu ‘alayhi wa sallam), la sua famiglia e i suoi compagni.

Al-Bid’u Wal-Muhdataat wa ma la Asla lahu – Pag. 571.

Fatawa Al-Lajnah Ad-Daima lil-Buhuth wal-Ifta Al-‘Ilmiya. – Fatwa n°3303

Articolo tratto dal sito “allaahuakbar.net”

Fonte: salafs.com

Sheikh Zayd Ibn Mohammed Al Madkhali

Comitato permanente [degli studiosi] Ifta

http://www.3ilmchar3i.net/article-26235733.html

Traduzione di Sara Hima

Tratto da “Mondo Islam Magazine” n. 22