L’ISIS E’ ISLAM?

BvwiZNwCIAEItyD

Di Mamdouh AbdEl Kawi Dello Russo

L’Isis è l’Islam? NO! guardando i video diffusi su internet, in Tv, e leggendo le cose più terribili mai lette prima, l’Isis non rappresenta l’Islam, e mi dissocio dal loro modo di fare. Questo dovrebbero capirlo non solo i non musulmani, ma anche quei musulmani che, abbagliati dall’illusione di un mondo islamico perfetto, con la legge della shariah, tanto pubblicizzato nei video studiati a tavolino dall’Isis, si ostinano a prendere le difese di questa organizzazione. Molti sono partiti per la Siria, perdendo la vita, o tornati indietro delusi di non aver trovato quello che pensavano di trovare.
Chiariamo subito una cosa, la Shariah non è una cosa negativa, quel mostro che viene descritto, anzi, chi conosce la Shariah veramente, capisce che è la Legge islamica per l’uomo, non vi è imperfezione. La Shariah praticata in modo giusto è un beneficio sia per i musulmani, che per i non musulmani. Infatti durante la guerra, la Shariah impone di preservare i luoghi di culto non islamici, come le chiese e le sinagoghe, proibisce di uccidere personalità religiose come i preti, i monaci e i rabbini, vieta di ammazzare bambini, donne e anziani, di trattare male i prigionieri. Inoltre impedisce la devastazione della natura e di uccidere gli animali, se non per alimentarsi.
E chiariamo anche una seconda cosa, che l’Islam, basato sul Sacro Corano, Rivelazione Divina di Iddio L’Altissimo, e sulla Sunnah [comportamento] del Profeta Muhammad (pace e benedizione su di lui), non ordina di sgozzare le persone come animali da macello, non dice di uccidere innocenti perché non sono musulmani. Io amo tutti i popoli, musulmani e non, in quanto musulmano che segue l’Islam, di certo non quel falso Islam diffuso dai video dell’Isis.
Video con scenografie da film, li hanno svelati su internet questi retroscena. Trucchi per rendere il tutto verosimile. I morti purtroppo ci sono, sgozzati da gente senza scrupoli, che ammazza musulmani e non musulmani. Alcuni di questi si divertono ad uccidere le persone, come è riportato in alcuni video.
L’Islam dice di difendersi da chi ti attacca, ma non di uccidere chi è innocente, come è successo anche con gli innocenti morti nelle Torri Gemelle di New York nel 2001, un attacco a quanto pare confermato da Osama bin Laden – cercando su internet prima bin Laden ha smentito, poi ha riconfermato la sua estraneità all’atto terroristico, pur appoggiandolo purtroppo, ed infine ha confermato di essere l’artefice di quell’azione malvagia-, questo episodio è ancora oggi non del tutto chiaro su certi aspetti. Se hanno commesso davvero quelle atrocità Al Qaida nel decennio scorso e L’Isis in questo decennio, atrocità diffuse dai Media –spesso grandi manipolatori della verità- , ebbene, posso dirlo chiaramente che questi non seguono ciò che dice realmente il Corano.
E poi direi ai soliti detrattori dell’Islam, di smetterla di ripetere come dei pappagalli cose dette da altri, come i soliti versetti del Corano, prendendo solo alcune parti, scartando l’intero versetto o l’intera Sura del Sacro Corano, ignorando il contesto in cui è stata rivelata.

Non sanno che per diventare Califfo …

Per quanto riguarda l’Isis, – organizzazione nata da Al Qaida-, approfittando del disordine in Siria e in Iraq, è diventata quell’organizzazione che è oggi, con un leader che si è autoproclamato Califfo –contravvenendo alla shariah e alla storia dell’Islam-, quel Abu Bakr al Baghdadi dalla dubbia identità. Altro fatto assai ambiguo, non sanno che per diventare califfo non serve autoproclamarsi e che dovrebbero essere d’accordo tutti i musulmani del pianeta? Ci vorrebbe una Mashura [consiglio] di sapienti per questo, e poi il nostro Profeta Muhammad (pace e benedizione su di lui) disse che sarebbe arrivato un califfo alla fine dei tempi, che sarà il Mahdi ben Guidato, e si chiamerà come il Profeta (pace e benedizione su di lui), tutto questo non corrisponde con Abu Bakr al Baghdadi, e da qui si dovrebbe capire chiaramente che si tratta di una farsa bella e buona. Inoltre il gruppo Isis sono gli stessi kharijiti [khawarij] –loro naturalmente smentiscono, i sapienti al contrario li hanno definiti tali – che uccisero il terzo califfo Uthman ibn Affan, compagno del Profeta Muhammad (pace e benedizione su di lui), e il quarto califfo Ali ibn abu Talib (che Allah sia soddisfatto di entrambi -di Uthman e Ali-), e dei quali mi sono occupato nei miei video/ articoli presenti in “Mondo Islam”. I khawarij per chi non lo sapesse erano musulmani deviati, che uccidevano ingiustamente altri musulmani, come hanno fatto con i due califfi.

E’ a causa di queste organizzazioni che il mondo intero ci guarda male, appena sanno che siamo musulmani cambiano completamente atteggiamento nei nostri confronti, ci guardano come appestati, come gente pericolosa, assassina, arretrata, crudele. La bandiera con su scritto in arabo “Attesto che nessuno ha diritto di essere adorato all’infuori di Allah e che Muhammad è il Suo Messaggero e Profeta”, con lo sfondo nero, usata anche dall’Isis, è una comunissima bandiera islamica che riporta l’attestazione di fede di tutti i musulmani, chi la esponeva ingenuamente fino a poco tempo fa come immagine nei social o nei video, ha avuto problemi pur non appartenendo all’organizzazione Isis. Dai seguaci di queste sette me ne sto alla larga il più possibile, anzi, qualora ne incontrassi uno – di persona o su internet- non avrei difficoltà nel denunciarlo alle autorità di polizia. Di Islam questi hanno capito poco o nulla, e di scoppiati in tutti questi anni purtroppo ne ho visti in giro per il web.

Nel mondo molti sapienti hanno emesso Fatwe [editti religiosi vincolanti] contro i membri dell’Isis definendoli eretici e che vanno combattuti fino alla loro definitiva recessione e neutralizzazione, essendo i nemici numero uno dell’Islam. In rete si possono trovare le dichiarazioni dei sapienti del Medioriente [Siria, Giordania], Arabia Saudita, India, Canada, Regno Unito, Francia, Egitto, Turchia.

Vedendo queste atrocità mi chiedo come mai i paesi confinanti con la Siria e l’Iraq e anche militarmente organizzati non diano inizio ad un’offensiva militare per eliminare l’Isis. Avrei voluto scrivere prima un articolo su questo argomento, ma ho preferito aspettare il momento giusto per farlo, poiché molte cose non mi erano del tutto chiare, come è accaduto alcuni anni fa per gli articoli sulle rivoluzioni nel mondo arabo – altro argomento complicato da comprendere fino in fondo per la situazione irrisolta e in continuo mutamento – .

Ai sostenitori dell’Isis –purtroppo presenti anche in Italia- dico di aprire gli occhi, non tutto quello che vedono nei video corrisponde al vero, con la tecnologia di oggi molte cose si possono modificare, e di allontanarsi da quella strada sviata. Qui non si tratta di vera lotta per la liberazione della Siria, dall’oppressione, dall’ingiustizia, come vogliono far credere, ma di qualcosa di veramente pericoloso ed ambiguo, capace di ingannare i più sprovveduti, in certi casi – scoppiati a parte- si tratta di persone ingenue ed in buona fede, soprattutto giovanissimi, che vedono nell’Isis quel sogno perfetto di uno Stato islamico che combatte l’ingiustizia. La realtà è ben diversa.

Tutto questo mi fa tristezza, che Allah L’Altissimo spazzi via in un batter d’occhio questa negatività che avvelena i cuori delle persone e regali al mondo intero la Pace. Amin!

Tratto da “Mondo Islam Magazine” n. 21

Quì l’articolo nel video “NO AL TERRORISMO!”:

Guardatevi il video “E’ sempre colpa dell’ Islam ? dal 2000 ad oggi”:

 

Isis non è Islam