MIEI PENSIERI E RIFLESSIONI sparse per il web

Di Mamdouh AbdEl Kawi Dello Russo

Pubblico qui mie riflessioni scritte alcuni anni fa quando usavo i social network, possono ancora essere utili al lettore e al sottoscritto.

Dare il messaggio corretto dell’Islam alla gente non è facile, ci provo, ognuno di noi da la sua parte. E’ la responsabilità di ognuno di noi, per questo spesso mi sono arrabbiato ed ho sofferto molto quando vedevo musulmani che davano o che danno un messaggio troppo distorto e duro della nostra religione, oppure troppo leggero, allontanando dall’Islam, dal vero Islam, non solo chi non è musulmano, ma anche i musulmani stessi. Per questo ognuno di noi ha UN GROSSO lavoro da svolgere, qui, in questa vita, per il suo bene e della Ummah intera.

xxxxxxxxxxx

Sei stato maltrattato, offeso, ferito, calunniato, diffamato,

da chi credevi tuo fratello e tua sorella,

dal tuo migliore amico, dalla donna che amavi.

Quante volte ti sei rialzato da terra?

 Quante volte hai dovuto ricominciare daccapo, voltare pagina?

Oggi sei amato, domani dimenticato,

poi di nuovo amato e ancora dimenticato.

Solo Allah non ti dimentica,

solo Lui ti ama, più di tua madre, di tuo padre,

di tuo fratello, di tua sorella,

di tua moglie (o marito),

di tuo figlio o di tua figlia.

Non aspettarti che gli altri ti chiedano scusa,

forse non lo faranno mai,

ma tu va avanti per la tua strada e cerca,

se puoi, di perdonare.

Dedicato a tutti coloro che vivono o hanno vissuto queste esperienze,

e a me …

xxxxxxxxxxxxxx

Sembra ieri, quando un giorno di 15 anni fa, proprio oggi, il 20 Gennaio 1998 mi recai con il Corano stretto al mio petto verso la moschea per fare la shahadah, abbracciare l’Islam. Era verso mezzogiorno per la preghiera del Dhor. Mentre camminavo, mi è passato davanti proprio quell’italiano che disinteressato del Corano me l’aveva venduto, non mi aveva visto. SubhanAllah! Ricordo che in quei giorni piansi molto per l’emozione, non avevo mai pianto così tanto in vita mia. La parte decisiva l’ha avuta l’ascolto del Corano in arabo, con la voce di sheikh AbdEl Basset, proprio con la recitazione che vedete in questo video. E’ il Corano, con la voce dello sheikh AbdEl Basset, che mi è penetrata nel cuore fino a farmi piangere a convincermi ad abbracciare l’Islam. Una sensazione così non l’avevo mai sentita prima. MAI. Avevo riconosciuto il Vero Messaggio di Iddio L’Altissimo nella lingua originale, pur non conoscendo bene l’arabo.

xxxxxxxxxxxxxxx

Ci sono certi musulmani anche su facebook che pretendono di sapere la Verità, di insegnarla agli altri, diffondendo notizie false come: la storia dell’Anticristo è una storia inventata, Gesù è salito e morto in croce [nel Corano non è così], non è vero che il Profeta Muhammad (sallallahu ‘aleyhi wa sallam) sposò Aisha bambina o giovanissima [la vera vita matrimoniale iniziò quando diventò più donna] ecc… ecc… Si lamentano perchè cancello i loro commenti, e lo farò sempre, non è mia intenzione diffondere la loro fitnah e prendermi pure io le loro colpe, astaghfarullah! fate attenzione fratelli e sorelle da certa gente, che spesso ha molti iscritti alla loro pagina. Le informazioni che riporto nei video, libri ecc, sono informazioni sicure e di certo non inventate da me, me ne guarderei bene prima di pubblicarle.

xxxxxxxxxxxxxxxxxx

Smettiamo di usare l’espressione MUSULMANO DEVIATO vedo in giro che viene usata un pò troppo spesso, per questo o quel musulmano, sheikh o persona comune. E’ un’affermazione grave e che odio. Deviare= uscire dalla via dove si cammina, volgendo per un’altra; uscire dal proposito o dal sentiero della verità e dalla giustizia. In poche parole: non è sulla strada giusta dell’Islam, fuori dall’Islam. Chi siamo noi per giudicare il prossimo? per dire ad esempio questo è un vero musulmano, questo è un falso musulmano? Solo Allah giudica e sa chi è vero e chi è falso.

xxxxxxxxxxxxxxxxx

AI MUSULMANI NATI DA FAMIGLIE MUSULMANE: mi sapete dire perché certi musulmani nati da famiglie musulmane hanno il vizio di rispondere al saluto islamico “assalamu aleikum” di musulmani italiani semplicemente con un CIAO? ma cooome “ciao”? agli altri rispondete con un “aleikym salam” e agli italiani musulmani con un “ciao” facendoli sentire musulmani di serie B o anche C, e quindi meno importanti. A me non interessa ormai, in tutti questi anni ho visto e sentito di tutto, ma almeno a chi è appena diventato musulmano da pochi mesi, anni… ci soffre molto. SVEGLIA FRATELLI!!!!!!

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Spesso si citano hadith, fatawe (fatwa) pensando di trovare soluzioni per ogni individuo e di giudicare il suo comportamento, dimenticando che ogni persona ha problemi differenti, situazioni completamente diverse e vive in contesti altrettanto diversi. Essere musulmano non significa essere identico al 100% all’altro musulmano, e se una cosa va bene ad uno va per forza bene all’altro. Bisogna saper valutare ogni caso prima di parlare, di decidere, gli stessi sapienti lo dicono. Ma la maggior parte delle persone citano questo o quell’hadith o fatwa studiata a memoria, senza pensare a tutto il resto.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

SHEIKH? Qui nessuno di noi è veramente sheikh, diciamo la verità, pochissimi in Italia sono veramente dei sapienti. Non basta leggere tantissimi libri, guardare internet o i canali satellitari per diventare veri sapienti. E nemmeno fare da imam nelle moschee o per la preghiera di gruppo. Giusto oggi parlavo con un caro fratello che mi diceva: “Leggerò tantissimi libri e diventerò sheikh” gli ho ricordato che non basta, bisogna frequentare le università dove si apprendono tantissime materie legate all’Islam per diventare veri sapienti. Troppe persone usano questo termine, per se stessi e per gli altri. Noi al limite siamo semplici musulmani che cercano di aumentare la propria conoscenza e metterla a disposizione degli altri, e non sheikh, veri sapienti con una grandissima conoscenza dell’Islam. E poi c’è anche shiekh e sheikh, ma quello meriterebbe un altro post.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Non rinnego il mio passato prima dell’Islam , perché ogni esperienza, anche negativa è servita, e mi ha portato fino a qui, certo, molte cose oggi non le rifarei, altre ancore le rivivrei ma con uno spirito totalmente diverso, in quanto vedo la vita in modo diverso, sia per fede, che per età. Oggi non sono più quello di ieri, per certi aspetti si, per altri no, e forse nemmeno quello di domani, ringrazio Allah L’Altissimo per il mio percorso, ognuno ha il suo percorso e questo è il mio, prima combattevo contro tutto quello che ho fatto e che ero prima, oggi accetto la mia intera vita, dalla nascita sino ad oggi, in quanto un vero dono di Allah.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Vivi la vita facendo del bene, perché potrebbe essere il tuo ultimo giorno su questa terra, non possiamo mai sapere la durata della nostra vita, oggi siamo qui a scrivere su facebook, domani non più, lasciando la nostra bacheca vuota e con il nostro carico di buone azioni inshaAllah. Quindi non tralasciare le cose più importanti e non trascurare questo o quel fratello al quale non scrivi da tempo o non hai più risposto ad un suo messaggio. Quello che devi fare fallo subito. Io vivo cosi ormai, se devo fare una cosa la faccio, senza rimandare, perché temo di lasciare questo mondo senza averla fatta, anche se sicuramente è l’intenzione quella che conta.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Non c’è più privacy, libertà come una volta. Beati quei tempi dove si poteva camminare o stare in metro, treno, bus, senza sentire gente che parlava ai cellulari come adesso, o che usa il pc, una vera noia, tutti dipendenti della tecnologia. Ormai posso sentire persino i dialoghi delle persone, anche controvoglia. Chiunque può registrarti, fotografarti, filmarti e poi farne quello che vuole. 20 anni fa non avrei mai immaginato tutto questo, anche se ne avevo una vaga idea, nemmeno 10 anni fa se è per questo. 30 anni fa pensavo che nel 2000 tutti avremmo usato le navicelle spaziali al posto delle macchine, bhe, se andiamo avanti così poco manca anche io uso la tecnologia, mi adeguo, ma non ne faccio una malattia.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Oggi guardavo fuori dal finestrino del treno la gente passare, ed osservavo, tante persone mi passavano davanti, purtroppo i musulmani erano quelli vestiti meno bene, quasi sempre trascurati nell’aspetto, oppure vestiti alla rapper, mi domandavo “che idea si fa la gente di noi musulmani, dell’Islam , guardando solo l’aspetto esteriore?”. Si, perché la gente guarda per primo l’aspetto, perché non cercare di migliorare il nostro aspetto e il nostro comportamento? Non dico di vestirci da damerini, ma almeno in modo più decente ed equilibrato, e nell’atteggiamento non rozzo o da bullo, come spesso noto in giro, in modo da trasmettere un messaggio più positivo dell’Islam. InshaAllah.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Una madre darebbe tutta la sua vita al proprio figlio, ma il suo amore non sarà mai GRANDISSIMO come l’amore di ALLAH per le sue creature, Colui che non abbandona nel momento del bisogno, che non tradisce, che ama incondizionatamente. Ti può abbandonare la madre, il padre, la moglie, il marito, il figlio, la figlia, il fratello, la sorella, l’amico, l’amica, ma MAI ALLAH L’ALTISSIMO che ama le sue creature che lo adorano sinceramente.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Non amo Facebook, e tante volte ho pensato di cancellarmi, ma el hamdulillah non l’ho fatto, perché ho ritrovato fratelli che non vedo da anni e conosciuto dei nuovi. Quelli che ho conosciuto qui su facebook li ho conosciuti anche di persona, come ieri e l’altro ieri, due fratelli MASHA ALLAH, ed è come se li conoscessi da sempre, questa è anche e sopratutto la fratellanza nell’Islam el hamdulillah.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Quando un fratello o una sorella vi scrive, non dimenticate mai di rispondere perché può rimanerci male, una risposta si può dare, appena si ha un pò di tempo, gli impegni ci sono, è normale, ma il tempo per un fratello si può sempre trovare. El hamdulillah non è un problema che mi riguarda, perché cerco di rispondere sempre a tutti, anche ai commenti, cosa che invece molti non fanno, ignorando persino il tuo post, o il tuo video. Non facciamoci prendere dalla Dunya (attaccamento alla vita) fratelli. Poi cerchiamo anche di usare sensibilità per dire qualcosa ad un fratello o ad una sorella, molti non usano sensibilità. Ed infine quando disattivate l’account anche solo per un breve periodo avvisate, è il minimo.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

E’ bastata una persona oggi che si è buttata sotto la metropolitana per suicidarsi, ad immobilizzare l’intera città e a far saltare quasi tutti gli impegni della giornata. La disperazione porta il suicidio? questo accade quando la Vera Fede non c’è, ecco perché credere veramente in Iddio L’Altissimo è fondamentale per ogni essere umano. L’uomo NON PUO VIVERE SENZA FEDE. Senza la Fede è come vedere un albero marcio, senza foglie e privo di vita.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Non si vive di passato, la vita va avanti sempre, il passato è morto, rimane nei ricordi ma è già passato, non serve per progredire e andare avanti, il futuro è molto più stimolante. Chi vive nel passato non vedrà mai il futuro.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Giusto settimana scorsa parlavo con mia madre che non è musulmana, spiegavo il fatto che il nostro Profeta Muhammad (saw) al contrario di molti musulmani di oggi che non alzano dito per aiutare la loro moglie, pensando che lavare i piatti, pulire per terra sia solo per le donne, il nostro Profeta (saw) invece aiutava le loro mogli nelle faccende domestiche. Mia madre è rimasta meravigliata, praticamente a bocca aperta, non se l’aspettava.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

E’ stato troppo bello, pregare con il fratello che ha fatto con me Hajj, con lo scroscio dell’acqua della pioggia fuori della finestra e due gocce di grandine entrata come gocce di diamante. La pioggia è Rahma, benedizione di Allah, che Allah pulisca i peccati e la sozzura dalla terra.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Viviamo il più possibile spiritualmente questo mese di Ramadan, dedicandoci al Sacro Corano, viviamolo come se fosse il nostro ultimo Ramadan, la morte può arrivare da un momento all’altro e questo potrebbe essere il nostro ultimo Ramadan di tutta la nostra vita. Allahu ‘alam.

xxxxxxxxxxxxxxx

Sporca, lurida politica, non guarda in faccia a nessuno, venderebbe persino la propria madre, pur di arrivare dove vorrebbe, in cima? ma basta uno scossone per buttarti a terra come un’idiota.

xxxxxxxxxxxxxxxxx

Questi sono i posti in cui vorrei morire un giorno, inshaAllah: i primi tre sono le terre sante Mecca, Medina, Palestina, ma al quarto posto…c’è subito l’Egitto! do la precedenza alle tre terre sante, perché sono le più importanti, ma l’Egitto occupa sicuramente un posto importantissimo nel mio cuore, da sempre, citato nel Corano più volte e il suo popolo è molto amato dal Profeta Muhammad (pace e benedizione su di lui).

xxxxxxxxxxxxxxxx

Solo quando cambieremo noi stessi dentro, cambierà veramente tutto ciò che ci circonda.

Corano Sura Ar-Ra’d (Il Tuono), v.11: “Ci sono [angeli] davanti e dietro [ogni uomo] e vegliano su di lui, per ordine di Allah. In verità, Allah non modifica la realtà di un popolo, finché esso non muta nel suo intimo. Quando Allah vuole un male per un popolo, nessuno può allontanarlo; né avranno, all’infuori di Lui, alcun protettore”.

xxxxxxxxxxxxxxxxx

Egitto, e adesso? mi dispiace ma sono pessimista, temo il ritorno del governo Mubarak e scagnozzi, che in realtà non è andato mai via. La questione Egitto mi puzza assai mi dispiace. Io non sono ne filo questo, né filo quello, ma mi sembra tutto molto strano ed irreale. Ho cercato fino all’ultimo di non farmi condizionare né dai seguaci di Morsy, né dai nemici di Morsy, ma questa cosa mi puzza molto. Spero di sbagliarmi, ma ho un presentimento….Allahu ‘alam, Allah ne sa di piu. L’Egitto fa troppo gola ed è in una posizione strategica, è un paese assai importante per il medio oriente, nord africa e direi il mondo intero. Vediamo cosa accadrà….

xxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Un consiglio fraterno. Se vedete un fratello o una sorella che sbaglia o che secondo voi sta sbagliando avvisatelo con dolcezza o scrivetegli in privato, usando sempre un buon comportamento con lui o lei, non aggreditelo e non offendetelo, né privatamente, né pubblicamente davanti a tutti, altrimenti diventa una calunnia, una diffamazione, tra le cose peggiori. Ne ho visti troppi qui su facebook, non solo nei miei confronti, ma verso moltissimi altri fratelli e sorelle nell’Islam.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

BUON DIGIUNO, dal cibo, dall’acqua, dalle brutte parole, dai brutti pensieri, dal fumo, dai programmi Tv con cose futili, da tutto ciò che è illecito, è entrato Al Fajr! RICORDIAMOCI che il digiuno non è solo astenersi dal cibo e dall’acqua.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

E il Ramadan è finito, quando ci capiterà un’altra occasione come questa? tra 1 anno, se saremo ancora in vita inshaAllah, o forse mai più.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Sei hai offeso qualcuno e sei stato anche molto duro con lui, chiedigli scusa prima che Ramadan finisca, e manca poco. Anche se hai ragione o pensi di avere ragione. Perché Allah potrebbe non accettare il tuo digiuno di Ramadan per questo motivo. Il Ramadan è un mese sacro, inviolabile. Metti da parte l’orgoglio e chiedi scusa alle persone. Io chiedo scusa, anche se ho ragione o torto. E prima di tutto chiedo perdono ad Allah L’Altissimo.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Fate tanti du’a per i nostri fratelli nel mondo, il mio pensiero va subito in Siria, Egitto, Palestina ed anche in altri luoghi. Mi piange il cuore se ci penso e non riesco a darmi pace. ALLAH E’ CON TUTTI

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

E mentre si cerca di far finta che tutto va bene, concentrandosi sul Ramadan , in giro su facebook continuano a postare foto di morti in Siria e in Egitto, e questo mi ricorda che in realtà nulla va bene, nel mese Sacro di Ramadan continua a scorrere sangue, quando non dovrebbe. SONO INDIGNATO con chi permette questa violenza, l’uomo è sempre li pronto a rovinare tutto, irrispettoso persino del mese Sacro di Ramadan, per non parlare poi degli altri mesi….

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Assalamu aleikum. Ripubblico a richiesta il POST che ho cancellato per via di certi commenti, questo post può essere utile inshaAllah, i vostri consigli e azioni servono per migliorare certe situazioni: Riporto la mia esperienza diretta, e le lamentele di molti fratelli. Possibile che un pò dappertutto, nelle moschee d’Italia, spesso non si riesca ad avere concentrazione nella preghiera, ed anche nel Ramadan, durante il tarawiah? Schiamazzi di bambini che coprono la recitazione del Corano dell’imam, non si capisce quasi nulla, spesso sono anche maleducati questi bambini. Dov’è l’educazione che ci ha insegnato il nostro Profeta Muhammad (pace e benedizione su di lui)? è pur vero che il Profeta [sallaLlahu alayhi wa sallam] portava i suoi nipotini con se ed essi giocavano su di lui, ma e` anche vero che quando sentiva un bimbo piangere, abbreviava la recitazione per il dispiacere che il bimbo piangesse e la madre costretta a sentirlo. Inoltre e` certamente sicuro che non fossero maleducati bensì vivaci, che è ben diverse. L’audio del microfono non è come dovrebbe, spesso si suda, nemmeno un filo d’aria, (grondanti di sudore) oppure aria condizionata alta (mal di gola, raffreddore). Nessuna traduzione in italiano della lezione durante la pausa del Tarawiah, o della khutbah del venerdì, così chi non conosce bene l’arabo si perde anche il discorso (tranne in certe moschee dove si traduce). Du’a lunghissimi di 15 minuti, come minimo, il Du’a non è obbligatorio da fare tutte le sere, se potete cercate di abbreviarlo, mi rivolgo agli imam delle varie moschee. Va bene, risponderete “con tutte queste cose si cancellano i peccati e prendi hassanàt”, inshaAllah, ma non è nemmeno giusto pregare senza concentrazione, non vivere il momento spiritualmente come si dorrebbe, la preghiera insomma non è una tortura, un esercizio fisico, una gara. A volte è meglio pregare a casa, ed anche questo non è bello. Scusate, non volevo essere polemico, soprattutto in questo mese di Ramadan, ma le cose che ho riportato sono molto importanti, spero che qualcuno legga e si ravveda, inshaAllah. Baraka Allahu fikum.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Gli adolescenti di oggi, e i giovani ventenni che usano molto internet, che studiano la nostra religione, che viaggiano, sono il futuro dell’Islam, mi rivolgo a voi fratelli: non commettete gli stessi errori delle generazioni a voi precedenti, studiate l’Islam, approfondite, stando lontani dalle interpretazioni sbagliate. Con il permesso di ALLAH l’Islam nel mondo e in Italia è nelle vostre mani. E un giorno non molto lontano vi ascolterò in un angolo, silenzioso e con le lacrime agli occhi, inshaAllah, se Allah Vuole.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

L’Egitto sta vivendo il periodo più buio di tutta la sua lunghissima storia, non ho mai visto, né immaginato una cosa simile per un paese che amo ormai da 20 anni. Volevano dividere gli egiziani? ci sono pienamente riusciti…. purtroppo. Spero che l’Egitto uscirà al più presto da questo tunnel oscuro, inshaAllah. E a chi ride per i morti della fazione opposta spero si metterà la mano sulla coscienza prima di lasciare questa vita, la vita è una ruota, primo o poi tocca a chiunque.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Solite persone che parlano dietro alle mie spalle, dico a loro: continuate a farlo, se vi interessa essere prosciugati delle vostre hassanàt, al punto che rimarrete con pochissime hassanàt. Parlare dietro alla spalle è tra le peggiori cose per un musulmano, ma anche per chi non è musulmano. Nel mio cuore non c’è più rancore per nessuno, il rancore non fa parte del mio carattere, nonostante l’ho provato anche io. E vado avanti inshaAllah per la mia strada.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Un consiglio dal cuore, da fratello, da zio, da padre, o come volete. Fratelli e sorelle non pubblicate su internet le vostre foto al mare, anche una sola foto può creare fitnah ed essere usata da altri a vostra insaputa. Stessa cosa anche le foto dei vostri bambini, vestiti, o in costume. Internet è un’arma a doppio taglio.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

“Mai fidarsi degli UOMINI, tutti uguali”, “mai fidarsi delle DONNE, tutte uguali”, “Gli uomini di una volta non esistono più”, “Le donne di una volta non esistono più”, “gli uomini di oggi sono furbi”, “le donne di oggi sono furbe” ecc… si andrebbe avanti all’infinito sui luoghi comuni, una cosa è certa, sia gli uomini, che le donne, non sono come ai tempi dei profeti, dei sahabah….

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Molti gruppi di oggi, che si autodefiniscono salafiti non hanno nulla a che fare con i salaf, pii predecessori, i musulmani delle prime generazioni. Qui sembra che ognuno è migliore dell’altro, “io sono, e tu non sei” ecc…

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Nel Ramadan le brutte azioni NON sono suggerimenti di Satana/ Shaitan (auth), poiché lui in questo mese non c’è, legato come tutti i diavoli. Non possiamo dare la colpa al Diavolo, non abbiamo nessuna scusa, siamo noi che agiamo, con i nostri difetti, con i nostri lati negativi. In questo mese abbiamo modo di conoscere sempre meglio noi stessi, la nostra personalità, le nostre debolezze.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Ramadan è digiunare però si possono saltare le preghiere? oppure digiunare e guardare la Tv tutto il giorno o ascoltare musica? rompere il digiuno è guardare le musalsalàt (telefilm arabi)? è leggere pochissimo il Corano? è aspettare l’iftar per correre subito a fumare le sigarette? è fumare le sigarette durante il digiuno tanto non è cibo, né acqua? è dire parolacce prima e dopo il digiuno? è parlare male degli altri? è pensare male degli altri? avere rancore verso gli altri? è abbuffarsi di cibo fino al punto di stare male? Niente di tutto questo, Ramadan è il mese del Corano, il mese per riflettere, per migliorare noi stessi, anche dopo Ramadan e allontanarci dai nostri sbagli. E’ il mese spirituale, un mese di pace, il Sacro mese che capita una volta all’anno, cerchiamo di viverlo il meglio possibile, in PACE inshaAllah.

Tratto da “Mondo Islam Magazine” n. 23