SO CHE L’ISLAM E’…

SO CHE L’ISLAM E’…

Di Giorgia Afnan

Sono sicura di poter asserire che l’Islam è la religione della misericordia e della compassione, al contrario di quanto affermano tutti coloro che continuano ad abbinare l’ultima religione rivelata ad un ammasso non ben definito, “tanto son tutti musulmani“, di terroristi, kamikaze che l’unico scopo che hanno nella vita è rovinare quella altrui con paure, scontri e violenza. Sono sicura perché se io cerco sul Corano sotto la parola: misericordia, misericordioso, perdonatore, clemente, gentilezza, carità e parole simili, mi rendo conto che non c’è una sola riga del sacro Libro a non averne almeno una! Lo so perché ogni sura del Corano il Generoso, inizia con “BismiLlah ar Rahmani ar Rahim – Nel nome di Dio il Misericordioso ed il Clementissimo” e non con “in nome di Dio severo nel castigo“….Lo so perché conosco che la pazienza è parte della religione ed anche perché nel sacro Corano c’è scritto non di “porgere l’altra guancia” ma addirittura di comportarmi bene con chi non mi è amico, se Dio vuole diventerà il mio più grande amico: Sura Al Fussilat (le esposte chiaramente) vers. 34: “Non sono certo uguali la cattiva [azione] e quella buona. Respingi quella con qualcosa che sia migliore: colui dal quale ti divideva l’inimicizia, diventerà un amico affettuoso”.Ne sono certa perchè il Messaggero di Dio (saw) ha detto: “A colui che non ha compassione degli altri, Dio non usa misericordia” (riportato da Al-Bukhary e Muslim)

E ancora nel sacro Corano, Sura As Shura (La Consultazione) vers.40-43 è riportato: “La sanzione di un torto è un male corrispondente, ma chi perdona e si riconcilia, avrà in Allah il suo compenso. In verità Egli non ama gli ingiusti. Chi si difende per aver subito un torto non incorre in nessuna sanzione. Non c’è sanzione se non contro coloro che sono ingiusti con gli uomini e, senza ragione, spargono la corruzione sulla terra: essi avranno doloroso castigo. Quanto invece a chi è paziente e indulgente, questa è davvero la miglior disposizione”. So che l’Islam è la religione della gentilezza e della cortesia nei confronti di tutti “Colui che non ringrazia la gente non ringrazia Dio -Allah”(Profeta Mohammed saw – Ahmad e At Tirmidhy)

So che la parola centrale del sacro Corano è proprio “gentilezza”  Sura al Kahf (la Caverna) vers. 19 “ché cerchi il cibo più puro e ve ne porti per nutrirvi. Si comporti con gentilezza….”

So che quando mi si dice che “Nel cristianesimo le parole base sono ‘carità e amore’ mentre nell’Islam……. questo argomento voi non lo considerate proprio”…ecco so, el hamdulillah, che certa gente dovrebbe prendersi un bel Corano, leggerlo senza pregiudizi, capire e poi parlare. Può andare bene che le persone non condividano ci mancherebbe, ma relegare l’Islam ad una religione razzista, violenta, classista, terrorista…no, questo non mi va bene!

“La carità non consiste nel volgere i volti verso l’Oriente e l’Occidente, ma nel credere in Allah e nell’Ultimo Giorno, negli Angeli, nel Libro e nei Profeti e nel dare, dei propri beni, per amore Suo, ai parenti, agli orfani, ai poveri, ai viandanti diseredati, ai mendicanti e per liberare gli schiavi; assolvere l’orazione e pagare la decima (zakat).Coloro che mantengono fede agli impegni presi, coloro che sono pazienti nelle avversità e nelle ristrettezze, e nella guerra, ecco coloro che sono veritieri, ecco i timorati. (Corano II. Al-Baqarah 177)

Al hamdulillahi Rabbel ‘alamyn – Lode a Dio Signore dei mondi creati.

da “Mondo Islam” n. 3